higuain-addio
higuain-addio

Allarme Higuain per la Juve – Tra i campanelli d’allarme dell’inutile (per la classifica) partita di Cagliari non c’è solo il rendimento difensivo ma pure quello di Gonzalo Higuain. L’attaccante argentino sarà quasi certamente titolare contro il Lione il prossimo 7 agosto a meno che a Paulo Dybala non riesca il mezzo miracolo di recuperare per la sfida contro i francesi:

Allarme Higuain per la Juve

“C’è una piccola speranza – ha detto Sarri in conferenza – vediamo lo sviluppo nei prossimi gironi. Se lo recuperiamo saremo già fortunati, vediamo se sarà per uno spezzone o 90 minuti”. Il conto alla rovescia è già partito, mancano 8 giorni alla partita più importante della stagione. Ad oggi il titolare sarebbe il Pipita.

HIGUAIN – La vera domanda però è un’altra? Ad oggi Gonzalo Higuain è in grado di giocare contro il Lione? A Cagliari è sembrato scarico, fisicamente e mentalmente. Appena 43 tocchi in 88 minuti giocati 3 il 75% dei duelli vinti, tre tiri totali e una sensazione generale di essere fuori dal contesto. Al posto di Dybala “ha giocato Higuain, non un giocatore non di livello”, ha aggiunto Sarri alla fine della partita ma questo Higuain non è certo quello arrivato per 90 milioni di euro nell’estate del 2016, fresco di record di 36 gol in Serie A che Ciro Immobile cercherà di battere il prossimo fine settimana proprio contro il Napoli.

Che giocatore è oggi Higuain? I numeri in stagione non rendono giustizia al bomber che è stato. Dieci gol e otto assist in 42 presenze, mai davvero al centro del progetto Sarri che alla fine ha optato per la coppia Ronaldo-Dybala. Quando il Pipita ha perso centralità nelle idee e nelle scelte dell’allenatore è calato di rendimento dopo un buon avvio di stagione.

LIONE – Ed è stata una stagione molto complicata la sua. Passata dai no alla Roma alle sofferenze del lockdown, passato in gran parte in Argentina per stare vicino alla madre malata. Poteva anche non tornare in Italia ma alla fine, come previsto, gli obblighi contrattuali lo hanno fatto salire su un aereo per Torino dove arrivò decisamente teso in un pomeriggio di maggio. E poi l’argentino non è stupido. Sa che la società pensa di scaricarlo ancora, Paratici è alla ricerca di un nuovo bomber e queste saranno davvero le sue ultime partite in bianconero.

Per uno come lui, che vive di motivazioni, è un’altra mazzata morale. La Juve, salvo miracoli di Dybala, si dovrà aggrappare a Higuain contro il Lione e serviranno almeno due gol di scarto per passare in turno. Fondamentale non prenderne per non essere costretti a segnarne da tre in su. Higuain sarà ancora in grado di aiutare la Juventus?

higuain-triste-juve
higuain-triste-juve

fonte: ilbianconero.com