pirlo-mascherina-juve
pirlo-mascherina-juve

Confronto Pirlo Sarri – Tredici punti quest’anno e diciannove l’anno scorso, tra Sarri e Pirlo ci sono sei punti di differenza in classifica. Dopo sette giornate di campionato, la situazione della Juve è peggio di quella di un anno fa.

E per certi versi è un copia e incolla di problemi ed errori ancora da sistemare: ieri non decollava con il toscano, oggi fa fatica con l’ex centrocampista. Due facce di una stessa medaglia, con la speranza che la stagione possa prendere una svolta positiva il prima possibile.

PROBLEMA PAREGGI – Confrontando la classifica di quest’anno con quella della stagione passata – nella quale tra mille difficoltà è comunque arrivato il nono scudetto di fila – il dato da cerchiare in rosso sono i pareggi: uno con Sarri, quattro con Pirlo. Tanti, troppi in sette giornate.

Confronto Pirlo Sarri dato clamoroso

Tra mille critiche, l’ex allenatore bianconero aveva totalizzato sei vittorie in sette partite; oggi invece Pirlo è a -4 dalla Juve dell’anno scorso e se il Napoli dovesse vincere il ricorso per lo 0-3 a tavolino il -4 diventerebbe -7 e i bianconeri avrebbero gli stessi punti della Sampdoria. Per il resto, questa Juve dopo sette turni di campionato è imbattuta proprio come quella della stagione scorsa e ha fatto anche due gol in più.  

QUEL DIFETTO COSTANTE – Quelli subiti invece, curiosamente sono sempre gli stessi: sei. Quasi uno a partita. Non un granché per una squadra che punta a vincere lo scudetto. Quello della porta inviolata è stato uno dei problemi che la Juve si porta dietro dall’anno scorso. Tra i motivi c’è anche uno stile di gioco simile dei due allenatori, che puntano su un calcio offensivo pensando prima a segnare e poi a non prenderle.

Non sempre riesce, per informazioni rivedersi gli ultimi quindici secondi della partita di ieri contro la Lazio. L’anno scorso è stato uno dei rari casi negli ultimi anni in cui chi ha vinto lo scudetto non aveva la miglior difesa (sette reti subite in più dall’Inter e una in più della Lazio).

Un problema che Sarri non è riuscito a risolvere nonostante l’aiuto di Barzagli, ora sarà compito di Pirlo sistemare la situazione e recuperare tutti quei punti persi in classifica. La Juve è un cantiere aperto. Sul quale c’è ancora, tanto, da lavorare. 

sarri-rischio-esonero
sarri-rischio-esonero

fonte: ilbianconero.com