cosa-mastica-sarri-bordocampo
cosa-mastica-sarri-bordocampo

Cosa mastica SarriMaurizio Sarri è uno degli allenatori italiani più importanti in circolazione attualmente. Il tecnico toscano è alla guida della Juventus, con cui è al comando della Serie A e con cui ha raggiunto gli ottavi di finale di Champions League e le semifinali di Coppa Italia.

Non è solo con la Juve però che Sarri ha mostrato il suo valore. Già nel triennio di Napoli Sarri ha fatto vedere a tutto il mondo di cosa fosse capace alla guida di una squadra con valori tecnici elevati. Al Chelsea ha poi vinto l’Europa League e riportato la squadra londinese in Champions League.

Ma cos’è che accomuna tutte le varie esperienze calcistiche in panchina di Sarri? Si tratta di un vizio che accompagna Sarri da sempre, e dal quale sembra proprio non riesca a staccarsi. Si tratta ovviamente del vizio del fumo, una delle “manie” del tecnico toscano.

Non potendo fumare in panchina durante le partite a causa dello stringente divieto, Sarri ha trovato anche il modo di “ingannare” la sua mente e provare a fingere di fumare anche in panchina.

Cosa mastica Sarri? Ecco la risposta

In molti guadando le partite delle squadre allenate da Sarri si chiedono. Ma cosa mastica Sarri in panchina durante le partite? Vi sarà capitato di vedere il mister intento a mordere, masticare e far girare tra le labbra un qualcosa di misterioso. Ma di cosa si tratta? Altro non è che un filtro di sigaretta, abilmente privato del resto della sua sigaretta originale, da poter portare in panchina e tenere in bocca.

Spesso, soprattutto in Inghilterra, questa abitudine di Sarri è stata descritta come malsana e disgustosa. In particolare dai quotidiani inglesi, non sempre carini con gli atteggiamenti degli allenatori stranieri in Premier League.

Anche nei primi giorni di Juve qualcuno ha criticato questa usanza di mister Sarri, che proprio non riesce a fare a meno di portarsi il suo filtro in panchina da “sgranocchiare” nervosamente durante le partite.

cosa-mastica-sarri-panchina
cosa-mastica-sarri-panchina