sconcerti-intervista
sconcerti-intervista

Intervista Sconcerti – Il giornalista Mario Sconcerti ha parlato a Calciomercato.com di Bernardeschi e Chiesa, entrambi giocatori della Juventus: “Si parla molto di Bernardeschi. E’ bastata una buona partita contro l’Estonia perché tutti si chiedessero se la Juve lo capisce o lo sacrifica”.

“E quale sia il suo vero ruolo. Diamine, è una buona domanda per ciascuno di noi: che ci facciamo qui? Credo che al calcio si possa attribuire qualunque peccato ma non quello di mentire o di avere molte misure”.

Intervista Sconcerti su Bernardeschi e Chiesa

“Il calcio è quello che vedi. Arriva un momento in cui devi smettere di farti domande su un giocatore e accettare la risposta: Bernardeschi è un progetto che non è andato come doveva. Sembrava quasi un campione, ma non è cresciuto ed è stato sopravvalutato. In tutto, nel futuro, nel prezzo, nell’ingaggio”. 

“Bravo lui a creare l’occasione. Ma oggi quel progetto non c’è più. C’è un buon giocatore che sa fare cose, che risolverà qualche partita e scomparirà in altre. Non è corretto nemmeno dire che ha deluso”.

“Non aveva fin dall’inizio i mezzi che gli venivano attribuiti. Il campione è continuo, insistente, pignolo. Bernardeschi si è sempre mosso bene, ma si è fermato lì. Come Chiesa, peraltro, di cui ancora bisogna almeno misurare il peso dell’arrivo nella Juve”.

bernardeschi-crotone-juve
bernardeschi-crotone-juve

fonte: ilbianconero.com