sarri-intervista-sky-2020
sarri-intervista-sky-2020

Sarri intervista Sky Juve FiorentinaMaurizio Sarri ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel corso del post partita di Juventus-Fiorentina 3-0, gara portata a casa dai bianconeri grazie alla doppietta di Ronaldo e al gol di De Ligt. Ecco le parole del mister riportate da ilbianconero.com:

“Partita difficile, nella gestione Iachini non avevano ancora perso. Douglas ha giocato perché sapevamo che facevano tanta densità, per vie centrali, abbiamo cercato di allargare la nostra fase offensiva, visto che non si può dare ritmo altrimenti. Come energia e intensità, siamo una squadra che a volte perde, nell’arco della stessa partita”. 

Sarri intervista Sky Juve Fiorentina

Quando diventiamo un attimo più passivi riesce meno, ma l’obiettivo è dare continuità all’intensità offensiva. In difesa abbiamo lavorato bene, evitando le ripartenze dove la Fiorentina sappiamo essere brava. A che punto è Douglas? Si tratta di un giocatore che da ampiezza e obbliga al raddoppio, crea tante soluzioni. Ancora non è al 100%, ma quando lo sarà darà ancora di più”.

“Andare a letto sapendo di tenere fuori Dybala, però, è scocciante, perché sai che è una bestemmia. Abbiamo tante soluzioni, non semplici da mettere insieme per caratteristiche, per questo deve prevalere l’equilibrio. Dybala centravanti? L’ho messo perché con il passaggio della Fiorentina al 3-4-3 pensavo si potessero trovare più spazi”. 

“Stile di vita di Douglas Costa? Io se va a letto tardi non lo so, a casa mia non lo porto. Se facessi votare la squadra sul tridente, dipende dai ruoli. I miei difensori vorrebbero maggior copertura, mentre se lo chiedessi agli attaccanti ne metterebbero anche quattro in campo. Metterli tutti e tre con Douglas? Si costringe i giocatori a snaturarsi, perché vorrebbe dire mettere Ronaldo a fare l’esterno vero, o Douglas a fare tutta la fascia, che non mi sembra il caso in questo momento, vista la condizione“.

“Rabiot e Bentancur? Sono giovani in crescita. Il nostro centrocampo di oggi non aveva un interditore vero, ma faceva lo stesso lavoro di interdizione. Siamo alterni a livello di energie, momenti in cui sembra che ne abbiamo, altri in cui siamo passivi”.

“A livello di palleggio stiamo migliorando, possiamo fare meglio e muovere la palla più veloce, ma i 27 gol di gennaio fanno vedere il potenziale che ha questa squadra. Manca Chiellini? Non volevo parlare di tecnica e tattica, la sua assenza pesa per il punto di riferimento mentale e morale che è per il gruppo”.

Sarri intervista Sky
Sarri-intervista-sky