bonucci-higuain-delusi
bonucci-higuain-delusi

Momenti difficili, ma in cui si possono riscoprire piccoli piaceri e grandi emozioni. Leonardo Bonucci, di questo tempo, ne sta facendo tesoro: è in casa, ovviamente, con moglie e figli al seguito. Se li sta godendo, tutti. E senza campo, continua ad allenarsi nel piccolo angolo di casa sua adibito a palestra. Il racconto della quarantena è affidato al format dei canali ufficiali bianconeri, ‘A Casa con la Juve’.

COME STO – “Sto benissimo, sono stati giorni difficili ma l’isolamento oggi è finito per i giocatori. Non ho avuto alcun tipo di sintomo, mi auguro che questa fortuna ce l’abbiano tutti coloro i quali stanno combattendo questa battaglia. Con tre bambini, una moglie, una casa da tenere in ordine, tra mocio e cortile dove giocare, compiti e altro da fare, le giornate sono molto lunghe”.

IN CORTILE – “L’ho messo sui social perché mi ha emozionato. Oggi si fa fatica a rivedere, soprattutto nelle grandi città. Bambini che si danno appuntamento per giocare finché non fa buio, ieri mi ha emozionato. Sarà appuntamento fisso, poi buttiamo nel mezzo anche il fratello piccolo, finché la mamma non chiama per salire”.

BATTIMURO – “Prendi una porzione di muro, una volta le cartelle o le lattine, e devi colpire con un tocco la parte di muro delimitata. Chi sbaglia, viene eliminato. Si continua finché non c’è un vincitore. Il bello? Dovevi essere bastardo, dovevi prendere l’esterno, lo spigoletto…”.

CHIELLINI – “Non ricordo bene la partita, ma ringrazio la chiusura in rovesciata di Chiellini. Era con il Portogallo: sbaglio appoggio e la punta riparte, Giorgione mi ha salvato un gol praticamente fatto. Benedetto Giorgione alle mie spalle”.

fonte: ilbianconero.com