gomez-atalanta
gomez-atalanta

Un’intervista a cuore aperto. Il Papu Gomez ha parlato sconvolto ai microfoni di Sky Sport 24: “Faccio fatica a pensare al calcio. Cerco di tenermi in forma, di allenarmi un’oretta e mezza-due al giorno ma è difficile mantenere la concentrazione. Il calcio è l’ultima cosa che mi interessa. Lo stato d’animo è a terra, i pronostici sulla ripresa della Serie A impossibili: 

“Non so se si tornerà a giocare, se lo si farà in estate o fra qualche mese ma prima il Paese deve rimettersi a posto. Sarà molto difficile tornare a giocare: come si fa a organizzare le trasferte, ad andare negli alberghi?È una grande domanda che mi faccio. Il mio stato d’animo non è al top, la situazione nel Paese non è la migliore e bisogna cercare di essere positivi anche se ogni giorno arrivano brutte notizie. Non c’è altro da fare che rimanere a casa e aspettare che tutto questo possa finire, spero presto”.

Coronavirus a Bergamo, le parole di Gomez

Il Papu ha rilasciato anche un’intervista al quotidiano argentino Olé descrivendo la situazione italiana: “All’inizio c’è stata molta disinformazione, l’abbiamo presa tutti alla leggera. Pensavamo fosse solo un’altra influenza e quind abbiamo continuato una vita normale. Quando sono iniziate le morti abbiamo cominciato ad avere paura“. 

Si parla dell’impatto della partita di Champions con il Valencia: “Uno di loro in campo era infetto. Stiamo tutti aspettando per vedere se qualcuno di noi mostra i sintomi. Aver giocato quelle partite è stato terribile. A Valencia non c’era controlli, erano tutti rilassati. La situazione di Bergam di oggi credo abbia a che fare anche con la partita di San Siro di Champions. Qui ci sono 12o mila abitanti e quel giorno 45 mila erano allo stadio…“.

gomez-atalanta
gomez-atalanta

fonte: tuttosport.com