ronaldo-urla-juve
ronaldo-urla-juve

Cristiano Ronaldo domani compirà 35 anni. Il fuoriclasse portoghese, 50 gol in 70 partite con la Juve, è divenuto un’icona mondiale dello sport. Ma il cammino è stato lungo, e tuttora per restare ai vertici CR7 cura se stesso come se fosse una macchina perfetta, da gestire sempre con attenzione. La Gazzetta dello Sport ha domandato ad alcuni esperti i segreti del successo di Cristiano.

PREPARAZIONE FISICA – Giovanni Bonocore, preparatore atletico in passato anche di Alex Del Piero, di Ronaldo dice: “Penso che alla base di tutto ci sia un lavoro meticoloso e individuale sull’aspetto neuromuscolare, non solo muscolare.

Con l’età il testosterone tende ad abbassarsi, quindi è necessario rimediare con allenamenti ad hoc. E poi Sarri e il suo staff stanno dimostrando grande intelligenza non facendo svolgere a Cristiano lavori aerobici, che abbassano il testosterone”.

SPORTIVO-AZIENDA – Andrea Sartori, analista di KPMG, aggiunge: “Cristiano Ronaldo non è il primo caso di sportivo diventato azienda. E lo deve soprattutto al volano dei social, settore in cui è maestro e dove è stato bravo, già qualche anno fa, ad anticipare i tempi. Ma è ovvio che non basta solo questo.

Il fenomeno portoghese piace alle aziende per l’immagine pulita e la personalità: il suo atteggiamento in campo in questo senso aiuta. L’essere un vincente è un altro fattore determinante, così come l’integrità morale”.

LO STILE – Alessandro Martorana, stilista, dice invece di Ronaldo: “Sa di essere il migliore giocatore del mondo. Non lo pensa, lo sa. Conosce talmente il suo valore da proporre questa “forza” anche nel vestirsi. Per questo non si può abbinare Cristiano a un look: nessuno stile gli si può appiccicare addosso.

Lui è Ronaldo, va oltre la moda, può indossare ciò che vuole. Avendolo conosciuto, posso poi dire che gli piace molto la sartoria italiana e che conosce con attenzione le differenze tra i tessuti”.

DIETA FERREA – Infine, il nutrizionista Giorgio Calabrese: “Con grande diligenza nel tempo ha seguito una dieta quasi iperproteica per sostituire i carboidrati. Vietate, invece, le bevande gassate: centrifugati ed estratti aiutano a non eccitare troppo lo stomaco con i succhi gastrici.

E poi “gioca” ancora con la crioterapia per ridurre i fattori infiammatori. Gli consiglio di immettere sempre più carboidrati complessi (pasta e riso integrale) e legumi per avere le stesse proteine di prima senza ricorrere a quelle “animali” che hanno grassi saturi. Di certo, anche una dieta attentissima gli ha garantito di essere ancora una Ferrari!”.

ronaldo-frontino
ronaldo-frontino

fonte: ilbianconero.com