sarri-deluso
sarri-delus

Juve senza spina dorsale. Con la Spal ci saranno tante assenze pesanti e due più di tutte le altre: Miralem Pjanic e Leonardo Bonucci. Sarri non aveva mai fatto a meno di entrambi nelle partite pesanti. Per ora era successo solo una volta: contro l’Udinese in Coppa Italia. Poi stop. Uno dei due aveva sempre giocato anche perché entrambi sono due importanti fonti di gioco per la squadra bianconera. Al posto di Bonucci ci sarà Chiellini (di fianco a De Ligt sul centrodestra) mentre Mire sarà rimpiazzato da Rodrigo Bentancur ma non è questo l’unico rischio che la Juve corre al Mazza di Ferrara.

CAMPO OSTICO – Nei due anni di Serie A della Spal la Juve non ha mai trovato i tre punti. Pari due anni fa, sconfitta la scorsa stagione quando però lo scudetto era poco più di una formalità. Fatto sta che le statistiche dicono zero su due e la Juve di Sarri ha bisogno come il pane dei tre punti, non c’è alternativa alla vigilia di partite come quelle contro Lione e Inter. Partite a cui la Juve non dovrà pensare. Per 90 minuti esiste solo la Spal.

Sarri l’ha detto e i suoi dovranno ricordarselo perché i tre punti in palio sono gli stessi che vale la partita con i nerazzurri. I bianconeri hanno pure la coperta corta in attacco. Senza Gonzalo Higuain non convocato sono pochi i calciatori a disposizione dell’allenatore toscano per cambiare la partita se il piano tattico non dovesse funzionare. Uno a dire il vero: Bernardeschi o Cuadrado, a seconda di chi partirà titolare. L’altro attaccante che Sarri avrà in panchina è Olivieri dell’Under 23. Un pò poco.

DIFFIDATI – E poi c’è una delle grandi paure del popolo bianconero. Quello dei diffidati. Per la Juve, come noto, sono tre: De Ligt, Dybala e Cuadrado. In caso di giallo saltano la sfida con l’Inter del 1 marzo ma il Comandante non vuol fare calcoli: “​Valuteremo solo in relazione alla partita di Ferrara – le parole del tecnico in conferenza -, sono tutti calcoli che troppo spesso in passato ho visto saltare per aria, pensiamo a domani senza secondi pensieri”. Spal-Juve è la classica sfida testa-coda ma la partita presenta più insidie di quelle che dice la classifica.

fonte: ilbianconero.com