pjanic-intervista-juve
pjanic-intervista-juve

Bella diretta di Mattia Perin che all’ora di cena si beve un calice di vino e parla, anche con Miralem Pjanic, chiamato in diretta su Instagram: “E’ un pò timido, chiamiamolo e vediamo se risponde”, dice Perin. E Mire risponde: “Ti rispondo, ti rispondo…Come sto messo? Boh, vediamo fra. Edin (il figlio ndr) è in Francia, quando hanno chiuso le scuole qua è andato subito là, non lo vedo da un pò, è orribile”,

FAMIGLIA E ALLENAMENTO – “Anche io non vedo la mia famiglia da due settimane”, risponde Perin che poi chiede: “Ma come ti alleni?” “In palestra giù, sei venuto l’altra volta”, dice Pjanic.

La conversazione continua: 

Perin: “Io ho fatto una palla di carta stagnola e palleggio da solo contro il muro, e ho i pesi”.

Pjanic: “Metti l’elastico, lo attacchi alla finestra. Che ho cucinato oggi? Pasta al pesto”.

Perin: “Ti mando io il pesto da Genova, ho il supermercato qua sotto, pesto top, te lo spedisco. Fino a quando siamo così? Vediamo lunedì se cambia qualcosa, per ora tutto ok”. 

Pjanic : “Noi martedì credo. Nessun caso da voi no? Meno male. Meglio così, non si deve rischiare. La famiglia tua sta a Torino?”

Perin: “Si, mia moglie incinta non si è potuta muovere quando sono tornato a Genoa e ora non posso muovermi io. Mire, diamo un messaggio giusto che bisogna stare a casa”.

Pjanic: “Tutti a casa per forza, non è uno scherzo è da prendere sul serio”.

Perin:  “Facciamo qualche sacrificio ma poi staremo tranquilli. Mi manca un po’ pararti le punizioni”

Pjanic: “Sì, prenderle nella rete…”

Perin: “Ci alleniamo, siamo sul pezzo. Possesso palla..”

Pjanic: “Possesso palla…due tocchi. Ora dobbiamo fare qualche sforzo ancora, finire la stagione se si può finire. Cosa faccio? Niente sto a casa, faccio sport, chiamo gli amici, leggo notizie, guardo che succede nel mondo”.

Perin: “Io leggo davvero, libri veri”. 

Pjanic: “Tu leggi le immagini, mortacci tua”
 

Perin: “Sto leggendo “Tzun Su, l’arte della guerra”, particolare fastidioso, devo finirlo, molto bello”

Pjanic: “Quante pagine?” Perin: “250 -60, devi far passare il tempo. Tra poco sbatto la testa al muro. Ho iniziato lunedì, sono sei giorni. Siamo in emergenza dobbiamo stare a casa”

fonte: ilbianconero.com