Sarri-Dybala

Sarri con DybalaVerona-Juve, ora protestano tutti. Protestano soprattutto gli attaccanti, i più scontenti da questa turnazione che forse finirà come la fortuna di Douglas Costa. Come riporta Tuttosport, Higuain è uscito “bofonchiando e nervoso”.

Sarri con Dybala, ecco cos’è successo

Poi c’è Dybala, che deve continuare a entrare a partita in corso. I complimenti sembrano un “depistaggio”, volto soltanto ad addolcire la pillola. Sono appunto lontani i tempi del tridente: doveva essere letale, è diventato “avvelenato”.

E chiaramente non più sul tavolo. La soluzione? Come sempre, Ronaldo. Ma stavolta anche dentro lo spogliatoio.

Queste invece le dichiarazioni del tecnico bianconero a Sky a fine partita:

Gol subiti in situazione di vantaggio? Non è una casualità, non siamo riusciti a risolvere questo problema. La sensazione è che quando andiamo in vantaggio invece di sparare tutto per chiudere la partita cerchiamo di gestire in maniera passiva”.

Come sta Douglas Costa? Non lo so, non ho parlato ancora con il dottore. Purtroppo Douglas è fragile dal punto di vista muscolare”.

Preoccupato della classifica? Noi dobbiamo essere preoccupati solo di certe reazioni mentali che abbiamo in certe partite. Siamo in un momento in cui dobbiamo che questo campionato e anche i prossimi saranno giocati punto a punto, non possiamo lasciare punti per strada. Dobbiamo diventare più applicati, più cattivi in certe situazioni. Questo è un messaggio che deve passare”.

Verona? Ti possono mettere in grande difficoltà con il loro atteggiamento. Così come è chiaro che quando cadono fisicamente possono concederti qualche cosa. C’era da raccogliere di più in fase offensiva”.

Problema mentale? Principalmente sì, anzi è da tutta la stagione che abbiamo questa sensazione. Anziché salire di intensità mentale abbiamo dei momenti di passività. E’ un aspetto da tenere in primaria considerazione”:

“Se riguardate come abbiamo preso il primo gol credo che non si possa parlare di tattica o condizione fisica, ma solo di scelte fatte in maniera un po’ troppo superficiale”.

Sarri-Dybala