vecino-intervista-dazn
vecino-intervista-dazn

MATIAS VECINO SU ATALANTA-JUVE – In Serie A è stato l’ennesimo sabato dalle grandi emozioni. Complice infatti l’imminente prossimo turno di Champions League, quasi tutte le big hanno giocato in anticipo questa 13° giornata. Questi i risultati del sabato di Serie A per la 13° giornata:

  • Atalanta-Juventus 1-3
  • Milan-Napoli 1-1
  • Torino-Napoli 0-3

Tantissime sono state le polemiche tra i tifosi nell’immediato post partita di Atalanta-Juventus, con molti interisti che si sono lamentati per il mancato fallo di mano fischiato a Cuadrado. Ma a far discutere e polemizzare i tifosi juventini c’ha pensato Matias Vecino nel pre partita di Torino-Inter, lasciandosi andare ad una dichiarazione sulla Juve incalzato dalle domande dell’inviato di DAZN.

Torino-Inter, le parole di Vecino

Dopo aver conquistato i tre punti contro l’Atalanta gli occhi della Juventus si sono posati sullo Stadio Grande Torino dove l’Inter seconda in classifica ha sfidato il Torino. Alle 15, non tutti i nerazzurri hanno invece guardato la partita della Juve a Bergamo contro l’Atalanta, almeno a sentire le parole del centrocampista uruguaiano Vecino: “La partita della Juventus? Non l’ho vista, al pomeriggio mi piace dormire”, le sue parole a Dazn pochi minuti prima del fischio d’inizio.

Queste invece le parole di Antonio Conte nel post partita:

“La cosa che mi rende maggiormente felice è il fatto di non aver subito gol, dimostrando solidità difensiva. I gol li facciamo, se torniamo ad essere ermetici come all’inizio è meglio per tutti, siamo più sereni. La rosa? Oggi Borja è entrato e ha messo in campo tutta la sua professionalità e la sua determinazione, mi dà molta soddisfazione, ha lavorato tanto in questi mesi. Vedere ragazzi che si impegnano e che sono sempre sul pezzo, così come Dimarco, è un piacere. So che non è semplice allenarsi e non avere possibilità di giocare, ma oggi è capitata l’occasione e Borja ha giocato un grande secondo tempo. Sono contento anche per Dimarco, lo meritava. Mi auguro che per Barella non sia niente di grave, è un giocatore cresciuto in maniera esponenziale, è importante. Mi auguro che gli esami non diano esiti disastrosi. Il mercato? Spetta ai dirigenti: tre giocatori importanti sono andati via e non abbiamo realizzato dal punto di vista economico. Potrebbe esserci un tesoretto importante”.

Vecino in campo con l'Inter
Vecino in campo con l’Inter