Home News Juve Chelsea, Allegri sostituisce così Morata e Dybala

Juve Chelsea, Allegri sostituisce così Morata e Dybala

772
morata-juve-2020
morata-juve-2020

Juve Chelsea – Giocate di classe, un gran gol di sinistro, l’esultanza con la Dybala-mask applaudita da tutto lo Stadium. Sembrava il giorno perfetto per celebrare la nuova Juve Dybalacentrica e l’imminente nuovo contratto come simbolo della Juventus e del dopo Cristiano Ronaldo. Invece è finita in lacrime. La Joya è durata 22 minuti, poi il numero dieci argentino ha chiesto il cambio per un fastidio muscolare ai flessori della coscia. 

Paulo ha sentito “tirare” e ha capito subito che, oltre alla partita con la Sampdoria, erano compromesse anche la super sfida di Champions contro il Chelsea di mercoledì, il derby di sabato contro il Toro e la convocazione con l’Argentina.

Una bella botta, oltretutto in un giorno particolare visto che ieri era anche l’anniversario della scomparsa del papà. Così Dybala, lasciando il campo, non è riuscito a trattenere le lacrime.

Si è sfogato e ne aveva pieno diritto: la sfortuna non sembra dargli tregua. Paulo ha incassato il colpo, ma ha tifato per i compagni fino alla fine. E al novantesimo, a successo raggiunto, si è subito sintonizzato sulla ripartenza inviando un messaggio a tutto il popolo bianconero: «Dispiaciuto per aver lasciato il campo, ma felice per la vittoria. Adesso farò gli esami, ma sto già pensando di tornare il prima possibile». In giornata sarà al J Medical per gli accertamenti. Nessuno, però, si aspetta miracoli.

Allegri è ottimista di natura e in queste situazioni di solito tira fuori il meglio di se stesso e della sua praticità. Una cosa è certa: con due punte su quattro al J Medical – e non ad allenarsi alla Continassa – e con il quarto attaccante (Kaio Jorge) ancora ai box e comunque non inserito in lista Champions, il Conte Max dovrà inventarsi qualcosa in vista del Chelsea. Moise Kean è l’unico centravanti di ruolo disponibile, poi ci sono gli adattabili Federico Chiesa, Dejan Kulusevski e Federico Bernardeschi.

Ma senza il numero 9 (Morata) e il 10 (Dybala) si valuta anche il ritorno al 3-5-2. Per un ragionamento di questo tipo: in mancanza dei migliori attaccanti, mi affido ai tre totem della difesa De Ligt, Bonucci e Chiellini. 

Se l’esperto Danilo può diventare una variante all’olandese, Cuadrado Alex Sandro agirebbero da quinti di centrocampo con in mezzo BentancurLocatelli e il rientrante Rabiot, pronto a garantire fisicità e a ripartire assieme ai velocisti Kean e Chiesa.

Il figlio d’arte prenderebbe il posto di Dybala, ma ovviamente lo interpreterebbe con altre caratteristiche: meno raccordo del gioco e più attacco della profondità. Una Juventus da contrattacco per sfruttare al meglio la gamba di Rabiot, Chiesa, Kean e Cuadrado. L’alternativa è la conferma del 4-4-2.

Juve Chelsea, Allegri sostituisce così Morata e Dybala

fonte: tuttosport.com

Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Dopo varie esperienze lavorative nell'ambito giornalistico, mi sono specializzato in quello sportivo e in particolare con il portale Calcioj.com. Da sempre pratico sport con una passione particolare per il calcio e la bici. Occhio sempre vigile sull'evoluzione dell'informazione.