Allegri conferenza: “Siamo arrabbiati. Salernitana più complicata del Psg! Forse Chiesa…”

Allegri conferenza – Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato in conferenza stampa dopo il ko contro il Psg. Il tecnico si è soffermato sui motivi della sconfitta contro il PSG, parlando anche del come il PSG sia riuscito a battere la sua squadra. Ecco le sue parole riportate da ilbianconero.com:

“10 punti? Servono per passare il turno. Buon secondo tempo, ma siamo arrabbiati perché abbiamo lasciato un’occasione. Loro hanno avuto tante occasioni per chiuderla ma noi siamo stati in partita. Dobbiamo dare più continuità nei 90′. A Firenze abbiamo fatto un buon primo tempo e poi male il secondo. Oggi i primi 20′ non bene, ma il secondo meglio… però questo non deve farci sedere. Serve far meglio negli ultimi minuti nello sviluppo del gioco e siamo arrabbiati perché potevamo portare a casa un risultato positivo. Nonostante il PSG sia stato straordinario e abbia dei giocatori fantastici”.

Allegri conferenza, le parole del tecnico dopo PSG Juve

“Speravo in un pareggio, sicuramente. Avevo Kostic e De Sciglio per giocare 2 contro 1 a sinistra, dovevamo andare a destra per poi tornare a sinistra”.

“Potevamo evitare il secondo gol, lì Kostic non ha seguito l’uno due di Hakimi”.

“Siamo partiti imbambolati, poi meglio. Al ritorno staremo meglio: Di Maria ci sarà, Szczesny ci sarà, mentre Chiesa e Pogba sicuramente no. Paul è stato operato ieri, quindi niente. Forse, forse, forse… Chiesa. Ora c’è da pensare alla Salernitana che sarà anche più complicata di stasera perché il PSG ti lascia anche più spazi per attaccare”.

allegri-panchina-juve
allegri-panchina-juve
Leonardo Costahttps://www.calcioj.com
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Dopo varie esperienze lavorative nell'ambito giornalistico, mi sono specializzato in quello sportivo e in particolare con il portale Calcioj.com. Da sempre pratico sport con una passione particolare per il calcio e la bici. Occhio sempre vigile sull'evoluzione dell'informazione.

ultimi articoli