Come sta Tacconi? Aggiornamento importante sulle sue condizioni

Novità importanti sulle condizioni di Stefano Tacconi. Invitati a Mattino Cinque sono ospiti in studio la moglie Laura e Andrea, uno dei quattro figli del portiere. Al termine interviene anche il Dott. Barbanera per un aggiornamento sulle condizioni di Tacconi. Queste le loro parole:

L’ACCADUTO – “Eravamo ad Asti per una cena di beneficienza- racconta il figlio Andrea. Svegliandoci il sabato mattina papà aveva un fortissimo mal di testa, gli ho dato un’Aspirina, abbiamo fatto colazione ma il mal di testa continuava senza fermarsi. In macchina si è addormentato un’ora e mezza. Io vedevo che stava male, era strano perchè lui non aveva mai niente. Non avrei mai pensato chiaramente a questo. A mezzogiorno avevamo appuntamento ad Asti in fiera e mi ha chiesto di andarci. Nemmeno si è alzato dalla macchina ed è svenuto. Fortunatamente l’abbiamo preso al volo, altrimenti avrebbe potuto sbattere la testa. L’ho steso a pancia in su ed ha avuto le convulsioni. Ho pensato subito al cervello, mi sono accorto respirasse male e di istinto l’ho girato sul fianco. Ha rimesso ed ha comunicato a respirare meglio. In cinque minuti è arrivata l’ambulanza. L’hanno portato subito via. Avevo l’adrenalina a mille e dopo ho rischiato lo svenimento anche io”.

LE CONDIZIONI – “I medici mi avevano preparato alla cosa più grave. Mi avevano detto che avrebbe potuto non farcela perchè era in situazioni gravissime. Il primo giorno è stato difficilissimo perché non sapevamo nulla. È ancora intubato, ha avuto miglioramenti incredibili nell’ultima settimana, è la settimana della respirazione e gli stanno iniziando a togliere l’ossigeno per spostarlo in un nuovo reparto. I primi test stanno andando bene. Dopo cinque giorni ha avuto un vasospasmo: il cervello ha subito talmente tanto stress che ci sono altre perdite di sangue, è successo subito. Ha avuto anche la febbre e la polmonite. Sembra aver superato tutto ora”. 

LA MOGLIE – “Non voleva preoccupare Andrea e ha cercato di reggere. È andato in coma immediatamente. Ad Asti hanno capito la gravità e l’hanno trasferito d’urgenza ad Alessandria per operarlo subito. È stato fortunato. La situazione era gravissima. Io ero a casa e stavo preparando la cena per il mio compleanno, la mattina non li ho sentiti ed ero stupita ma non preoccupata. Alle 14.14 mi è arrivata una chiamata da Asti, era la dottoressa dell’ospedale e mi comunicava che Stefano aveva avuto un’emorragia celebrale. Non ci potevo credere. Mio figlio mi ha detto di prepararmi al peggio. È vigile da sempre, noi gli parliamo sempre dal primo giorno, ringraziamo i tifosi che sono stati eccezionali nel darci affetto. La testa è sempre da lui. Mi sento sempre in quella stanza. Pensieri? È stata un’altalena di terrore, fiducia, speranza. Mi addormentavo con le preghiere di San Giovanni Rotondo perchè Stefano andava sempre là. A dormire non si riesce mai.”.

IL REGALO DI COMPLEANNO – “Venerdì era il suo compleanno e il nostro anniversario di matrimonio. Gli abbiamo regalato queste scatolette difficili da aprire, perchè doveva faticare. Lui ama aprire i pacchi. C’erano le sue cose più care, volevamo vedere se ci fosse una reazione. La cosa che ha riconosciuto subito? Un peluche che il suo cane Jack gli ruba sempre”.

IL DOTT. BARBANERA – “Sta migliorando, è già stubato ma di notte usa il casco divenuto noto per il Covid. In reparto dovrà sistemare un drenaggio. La riabilitazione potrebbe prospettarsi non così lunga e non così difficile. Ci sono sempre dei fattori non prevedibili ma per come lui ha svoltato in questi giorni sarei ottimista per un buon recupero. Il segno di vittoria per la Juve? Non è così importante, lo è molto di più la risposta al vasospasmo perché significa che il cervello risponde bene”. 

GLI INIZI – Non abbiamo mai smesso di parlargli, all’inizio non capiva. Ci siamo sciolti quando alla vittoria della Juve ci ha fatto quel gesto. Una reazione di felicità incredibile. 

stefano-tacconi
stefano-tacconi

fonte: ilbianconero.com

Leonardo Costahttps://www.calcioj.com
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Dopo varie esperienze lavorative nell'ambito giornalistico, mi sono specializzato in quello sportivo e in particolare con il portale Calcioj.com. Da sempre pratico sport con una passione particolare per il calcio e la bici. Occhio sempre vigile sull'evoluzione dell'informazione.

ultimi articoli