Di Maria racconta: “Ecco perché ho scelto la Juve, sono qui per dare assist e qualità! Su Dybala…”

Di Maria parla del suo arrivo alla Juve – Angel Di Maria si racconta ai microfoni di DAZN in merito al suo trasferimento alla Juventus. Dopo le domande in conferenza, spuntano le parole dell’asso argentino in merito al motivo della sua scelta bianconera:

LA SCELTA JUVE – “La Juve non vince da due anni lo scudetto e si vede che vuole cambiare passo, di tornare a vincere tutto. Non sopporto le sconfitte. Voglio vincere sempre, giocando nelle migliori squadre, con i migliori giocatori. Credo sia la decisione migliore in questa fase finale della mia carriera”. 

Di Maria parla del suo arrivo alla Juve

CAMBIAMENTO – “Questa scelta rappresenta un cambiamento. Sono contento di aver scelto un nuovo campionato. Volevo fare questa nuova esperienza, ho aspettato fino all’ultimo col Psg per rinnovare, avevo l’opzione per un anno in più. Chiuso quel capitolo, ho pensato al futuro e mi sono reso conto di un cambiamento necessario. La possibilità di venire in Italia, tra la gente più vicina anche al modo di vivere in Argentina… sono molto contento”. 

IL MOMENTO DECISIVO – “La mia età e ciò che ho vissuto in carriera mi aiutano a inserirmi in questo contesto. Paulo Dybala mi ha raccontato del club, di come ti trattano, di ciò che è la Juventus, un gigante. Non si è sbagliato assolutamente. Sono felice di essere qui e di aver scelto la Juve. E’ la squadra più grande d’Italia ed è la cosa più importante”. 

CON ALLEGRI – “Non ho parlato con Allegri fino al momento della firma, però sapevo dell’interesse, che provava a vincere. La Juve mi ha corteggiato per 40 giorni. Pensare, stare tranquillo. Dopo sono andato in vacanza e ho voluto rilassarmi, riposarmi. Volevo stare tranquillo dopo un anno tranquillo, volevo stare in famiglia. Ho parlato con la Juve 3 giorni prima della fine delle vacanze. Volevo che tutto fosse chiaro. E’ stato molto rapido, la Juve ha sempre insistito per avermi: un accordo perfetto, mi ha reso felicec”. 

POGBA – “Sapevo della possibilità dell’arrivo di Pogba. Conosco Chiesa, Vlahovic. Per questi motivi ho pensato bene alla mia decisione. Sono giocatori molto importanti, considerando l’età. Sono qui anche per aiutare a vincere a diventare ancora più forti di quanto non siano già. La società sa che tipo di calciatore sono, per nulla egoista. Mi piace fare assist, preferisco che gli altri segnino e si mettano in mostra. Penso che il club abbia tenuto in considerazione quest’aspetto, sa cosa posso portare alla squadra. Ne ho parlato con il direttore sportivo. E’ stata una decisione importante, posso aiutare questi ragazzi lavorando con loro tutti i giorni. Chiesa è infortunato, ma ho parlato anche con lui, gli ho chiesto quanto tempo gli mancasse per recuperare. Sono contento di poter aiutare non solo lui, ma tutti i giovani per vincere titoli. Credo che sarà un anno indimenticabile”. 

LA CHAMPIONS – “Sappiamo che è difficile vincere la Champions, si è visto negli ultimi anni come tanti siano arrivati in finale con il Real Madrid e abbiano poi perso. Non è facile vincere quel trofeo ma credo possa essere una grande stagione. Il campionato e la Coppa Italia possono darci fiducia, quando le cose vanno bene, per la Champions. Prima si pensa al campionato e alla Coppa, poi fare il meglio in Europa”. 

FIDEO – “Già mangiato spaghetti? Li mangio già, certo! Sono contento anche da questo punto di vista. La cucina italiana è simile all’argentina, sono molto a mio agio in ogni situazione, io come la mia famiglia”.

dimaria-conferenza-juve
Leonardo Costahttps://www.calcioj.com
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Dopo varie esperienze lavorative nell'ambito giornalistico, mi sono specializzato in quello sportivo e in particolare con il portale Calcioj.com. Da sempre pratico sport con una passione particolare per il calcio e la bici. Occhio sempre vigile sull'evoluzione dell'informazione.

ultimi articoli