Disastro Juve con l’Atletico, Allegri sommerso dalle critiche

Una cosa è certa: in termini di gioco e coinvolgimento, ancor prima che di risultati, rispetto allo scorso anno la Juventus può solo migliorare. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, il miglioramento è ancora molto lontano.

D’accordo, è solo calcio d’agosto e i risultati del pre-campionato non contano: per antonomasia sono altri che festeggiano sotto l’ombrellone. È vero altrettanto, però, che pur sempre ad agosto si inizierà a fare sul serio – tra una settimana appena – e che alcune indicazioni dalle uscite fin qui effettuato si possono già trarre.  

STESSO COPIONE – La più lampante è che nonostante sia cambiato qualche interprete, il copione recitato dalla Juventus sembra sempre il solito. Ed è un copione triste, noioso e improduttivo. A dispetto dei nuovi innesti anche nello staff tecnico, con l’ingresso di Paolo Bianco, non si sono viste ancora novità sul piano del gioco. E ogni reparto, per motivi diversi, soffre.

L’attenuante? Se è vero, come detto da più giocatori, che la Juventus sta cercando di cambiare impostazione di gioco facendo leva sul concetto di riaggressione della palla immediata, ci vorrà tempo perché si vedano i primi risultati.

Ma il tempo questa Juve ce l’ha? L’anno scorso l’avvio balbettante è costato ogni sogno scudetto. Quest’anno si è messa di traverso anche la sfortuna: in una fase di transizione tecnico-tattica, il talento di Pogba avrebbe fatto comodo. Allegri dovrà arrangiarsi. E far svoltare questa squadra.

fonte: ilbianconero.com

Leonardo Costahttps://www.calcioj.com
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Dopo varie esperienze lavorative nell'ambito giornalistico, mi sono specializzato in quello sportivo e in particolare con il portale Calcioj.com. Da sempre pratico sport con una passione particolare per il calcio e la bici. Occhio sempre vigile sull'evoluzione dell'informazione.

ultimi articoli