Mauro intervista Juve: “Mi dispiace per Dybala, ma c’è una cosa che devo dirgli”

Mauro intervista Juve – Massimo Mauro, alla Gazzetta, parla così del momento Juve. 

PROBLEMA – “Io credo che il problema grosso sia la tenuta mentale e fisica di Dybala e Morata in quel ruolo. E quindi la sostenibilità del tridente. Dopo l’entusiasmo iniziale temo che anche Alvaro rischi di stufarsi di correre come un pazzo all’indietro. Non è Mandzukic, o nemmeno Ravanelli. Dybala? È una questione di mentalità, non solo atletica. Dybala non può essere un giocatore da grandi partite in un tridente per un periodo prolungato di tempo: non ce l’ha in testa, più che nelle gambe. Può fare qualche partita bellissima, ma non dieci di fila in quel modo. È entusiasmante quando gioca bene con altri due attaccanti, perché alza il livello tecnico, ma una grande squadra ha bisogno di continuità, non puoi passare da eccellenza a insufficienza”.

TRIDENTE BOCCIATO? – “Se riesci a imporre il tuo gioco funziona, ma se viene meno la prestazione e la tenuta atletica di Morata e Dybala vai in difficoltà, fatichi a tenere palla e devi correre tu dietro all’avversario. Diventa complicatissima. E poi non hai sostituti. Ne mancavano tanti. Senza i titolari devi cambiare modulo e mentalità. Kean mi sembra non avere la padronanza tecnica del giocatore di questo livello, Kaio Jorge non lo abbiamo mai visto e difficilmente lo vedremo nelle fasi cruciali, io penso piuttosto a Soulé. Un rischio con un ragazzo così lo prenderei, perché tecnicamente ha i mezzi: per come stoppa la palla, per come dribbla, per come la passa è un giocatore fatto”. 

Mauro intervista Juve, le parole su Dybala

VLAHOVIC DELUSIONE – “Il problema con Vlahovic è che se lo tieni a fare la guerra al limite dell’area è bravissimo a girarsi e tirare, o a scaricare e poi andare a prendere il cross. Se deve fare le stesse cose quasi a metà campo, qualsiasi centravanti fa fatica. La soluzione? Eh, mica facile (ride, ndr). Allegri dovrebbe essere bravo a giocare a volte con i tre, quando li vede in forma, e altre più basso, con più centrocampisti e il solo Vlahovic, in contropiede”.

OPZIONE PER LA COPPA – “Col Villarreal almeno non dovrebbe esserci il pressing asfissiante. Potrebbe anche decidere di giocare così: McKennie è bravo a inserirsi, Rabiot e Zakaria hanno il passo per partire in contropiede, ora c’è una bella truppa in mezzo. De Ligt tornato dominante? Vero, con un distinguo. Bonucci raramente fa recuperi eclatanti, De Ligt troppo spesso: ho il dubbio che recuperi con una fisicità straripante a errori di posizionamento iniziali. Se diventa tatticamente perfetto quando la palla la hanno gli altri, diventa insuperabile”.

massimo-mauro-intervista-sky
massimo-mauro-intervista-sky

fonte: ilbianconero.com

Leonardo Costahttps://www.calcioj.com
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Dopo varie esperienze lavorative nell'ambito giornalistico, mi sono specializzato in quello sportivo e in particolare con il portale Calcioj.com. Da sempre pratico sport con una passione particolare per il calcio e la bici. Occhio sempre vigile sull'evoluzione dell'informazione.

ultimi articoli