Rigore Juve, avete visto cosa ha fatto Di Maria?

Rigore Juve – Diverse decisioni dell’arbitro Marinelli hanno lasciato alquanto perplessi durante Juventus-Atalanta.

Il pubblico dello Juventus Stadium ha iniziato a rumoreggiare a partire dal placcaggio vistoso di Palomino ai danni di Milik in area di rigore, non sanzionato dal direttore di gara.

Di Maria contro Marinelli, rigore Juve

I tifosi sono poi esplosi per l’episodio che si è verificato al minuto 23 del primo tempo, quando Locatelli saltando un paio di avversari, si è incuneato pericolosamente in area: Lovato lo ha fermato con un intervento pulito sul pallone.

Il rimpallo ha favorito Fagioli che si è resa pericoloso ma è stato steso a terra con un intervento scomposto di Ederson sempre in area di rigore.

L’arbitro Marinelli, ad un metro dal contrasto, ha fatto ampi cenni che l’atalantino avesse preso la palla e che lo scontro era regolare. Durissime le proteste juventine, quasi increduli: il fatto era netto.

Gli uomini di Gasperini a quel punto hanno fatto ripartire il contropiede e anche la corsa dell’arbitro, intento a seguire l’azione.

In pochi però hanno notato che dietro l’arbitro c’era un furioso Di Maria che protestava vistosamente alle spalle di Marinelli.

L‘argentino lo ha rincorso e per far ascoltare le sue proteste in corsa, ha cercato di tirarlo per la maglia.

Davvero per poco non è riuscito a strattonarlo. Ha rischiato grosso il bianconero: mettere le mani addosso all’arbitro può costare caro, anche una sanzione con cartellino.

Per fortuna il Var ha richiamato l’arbitro Marinelli, facendolo ritornare sui suoi passi e assegnando il calcio di rigore, per evidente fallo. Rigore che poi è stato trasformato dallo stesso Di Maria.

rigore juve di maria
Roberto Ferrerohttps://www.calcioj.com
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Ho la fortuna di seguire il calcio per lavoro ma è la mia più grande passione. La mentalità sportiva con la quale sono cresciuto mi facilita il compito di giornalista imparziale. La mia seconda passione sono i motori. Leggo, studio e seguo corsi di aggiornamenti per giornalisti e tecnici dell'informazione.

ultimi articoli