tokyo2020
tokyo2020

 Il Cio ha sin qui respinto ogni eventualità legata ad un rinvio delle Olimpiadi di Tokyo2020, ma il dilagare del Coronavirus in ogni angolo del pianeta e le forti pressioni delle federazioni britanniche e statunitensi di nuoto ed atletica leggera avrebbero di fatto costretto il presidente Thomas Bach ad attivare il piano d’emergenza.

In particolare il Comitato Olimpico, “in piena collaborazione con il Comitato organizzatore di Tokyo2020, le autorità giapponesi e il governo metropolitano di Tokyo, ha avviato dei confronti dettagliati per completare la sua valutazione in merito ai rapidi sviluppi della situazione sanitaria a livello mondiale e del suo impatto sui Giochi Olimpici, compresa l’ipotesi del rinvio. Il Cio è fiducioso di poter concludere questi confronti nelle prossime 4 settimane“. L’Esecutivo sottolinea però che “la cancellazione dei Giochi non risolverebbe alcun problema né sarebbe d’aiuto, per cui non è in agenda“.

Cio, il comunicato sulle Olimpiadi

“Per salvaguardare la salute di tutti i soggetti coinvolti e contribuire al contenimento del Covid-19, il Comitato Esecutivo (EB) del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha annunciato oggi che il Cio intensificherà la pianificazione degli scenari per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 .

Questi scenari riguardano la modifica dei piani operativi esistenti affinché i Giochi possano proseguire il 24 luglio 2020 e anche le modifiche alla data di inizio dei Giochi. Questo passaggio consentirà una migliore visibilità dello sviluppo in rapida evoluzione della situazione sanitaria in tutto il mondo e in Giappone. Servirà come base per la migliore decisione nell’interesse degli atleti e di tutti gli altri coinvolti.

Da un lato, ci sono significativi miglioramenti in Giappone, dove la gente accoglie calorosamente la fiamma olimpica. Ciò potrebbe rafforzare la fiducia del CIO nei confronti dei padroni di casa giapponesi secondo cui il CIO potrebbe, con alcune restrizioni di sicurezza, organizzare i Giochi Olimpici nel Paese rispettando il suo principio di salvaguardia della salute di tutti i soggetti coinvolti.

D’altra parte, c’è un drammatico aumento dei casi e nuovi focolai di COVID-19 in diversi Paesi in diversi continenti. Ciò ha portato l’EB alla conclusione che il CIO deve compiere il passo successivo nella pianificazione degli scenari”, si legge nel comunicato.

Le Olimpiadi non verranno cancellate

Prosegue la nota: “Un certo numero di luoghi critici necessari per i Giochi potrebbero non essere più disponibili. Le situazioni con milioni di notti già prenotate negli hotel sono estremamente difficili da gestire e il calendario sportivo internazionale per almeno 33 sport olimpici dovrebbe essere adattato.

Queste sono solo alcune delle molte, molte più sfide. Pertanto, oltre allo studio di diversi scenari, sarebbe necessario il pieno impegno e la cooperazione del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020 e delle autorità giapponesi e di tutte le Federazioni Internazionali (IF) e i Comitati Olimpici Nazionali (NOC). Richiederebbe inoltre l’impegno e la collaborazione con i Rights-Holding Broadcasters (RHB) e i nostri sponsor TOP Partner, come parte del loro continuo e prezioso supporto al Movimento Olimpico, nonché la cooperazione di tutti i partner, fornitori dei Giochi e appaltatori.

È in questo spirito dell’impegno condiviso delle parti interessate olimpiche nei confronti dei Giochi olimpici e alla luce del deteriorarsi della situazione mondiale, che l’EB EB del CIO ha avviato oggi il prossimo passo nella pianificazione dello scenario del CIO. Il CIO, in pieno coordinamento e partenariato con il Comitato organizzatore di Tokyo 2020, le autorità giapponesi e il governo metropolitano di Tokyo, avvierà discussioni dettagliate per completare la valutazione del rapido sviluppo della situazione sanitaria mondiale e il suo impatto sui Giochi olimpici, tra cui lo scenario del rinvio.

Il CIO è fiducioso di aver portato a termine queste discussioni entro le prossime quattro settimane e apprezza molto la solidarietà e la collaborazione di NOC e IF nel supportare gli atleti e adattare la pianificazione dei Giochi. L’EB del CIO ha sottolineato che una cancellazione dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 non risolverebbe nessuno dei problemi né aiuterebbe nessuno. Pertanto, la cancellazione non è all’ordine del giorno.

fonte: tuttosport.com