Allegri esonerato? La richiesta dei tifosi Juve dopo il Benfica

Allegri esonerato? E così è crisi. Irreversibile. Senza una mezza luce in fondo al tunnel, ché Chiesa Pogba sono ancora alle prese con uno scotto da pagare con la sfortuna. E così è crisi: importante, imponente, che occuperà la mente dei dirigenti, a prescindere dalle battute che si possono fare in un momento ancora contornato di sorrisi. Chi rischia? No, per ora nessuno, non un singolo almeno. A rischiare il crollo totale è la Juventus, riconoscibile per 40 minuti, irriconoscibile per gli altri cinquanta. Passano le partite, restano i problemi. E si consumano drammi, allo Stadium come fuori, in un profondo rosso scuro. Come le maglie del Benfica

Allegri esonerato? La richiesta dei tifosi

LA CONTESTAZIONE – Ci sono tante immagini da prendere in questo Juve-Benfica, a prescindere dal risultato che ha il peso più specifico di tutti. La prima è la prestazione di Vlahovic: ancora staccato dal contesto di non-gioco, nervoso e imbarazzato dalle difficoltà incontrate. Non averlo messo al centro della squadra è la colpa più grossa ed evidenziabile del ciclo Allegri, con le mani in tasca e un affanno costante nelle scelte (pure sui cambi, ma quanto ha atteso? E come ha cambiato?), oltre che nelle dichiarazioni. I tifosi non hanno più pazienza, ne hanno venduta a pacchi sostenendosi su tanti anni di vittorie, ma ora sono trincerati nella paura di vivere un’era indefinita, dai tempi biblici. Non si chiede più l’irrealtà dell’imbattibilità, ora si va per gradi. Si fischia il gioco, si fischiano le scelte, si fischiano i calciatori che non hanno più una marcia da Juve (vedi Kean, oggi anche McKennie). Si fischia la passività di un gruppo sconnesso con la realtà di cui si circonda. E la pressione aumenta, e la Juve non sa assolutamente come gestirla.  

LE SCELTE – E’ giusto chiedersi adesso quanto rischi Allegri? Non solo lo è: è sacrosanto. Allegri è la divisione che sta alla base delle complicazioni della Juve, la certezza che così non si possa andare e l’immobilità di non poter fare altre scelte se non forzare la fiducia nei suoi riguardi. Ma stasera, con il Benfica che rischia di fare il terzo, il quarto, il quinto gol, le crepe sono diventate insostenibili e hanno causato una frattura forse insanabile, certamente sotto gli occhi attenti della dirigenza. Se il progetto Juve non si mette in discussione, si può fare lo stesso con il progetto Allegri. Si deve fare lo stesso con il progetto Allegri. Che oggi si nasconde dietro 40 minuti di livello dimenticando 100 anni di storia, di vittorie e pure di gioco. E così è crisi. Irreversibile. E così sarà, finché non si prenderanno decisioni drastiche.

allegri-conferenza
allegri-conferenza

fonte: ilbianconero.com

Leonardo Costahttps://www.calcioj.com
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Torino. Dopo varie esperienze lavorative nell'ambito giornalistico, mi sono specializzato in quello sportivo e in particolare con il portale Calcioj.com. Da sempre pratico sport con una passione particolare per il calcio e la bici. Occhio sempre vigile sull'evoluzione dell'informazione.

ultimi articoli